Violenza stradale 4



Non è difficile trovare pessime soluzioni progettuali sulle strade, soprattutto se ci sono le ciclabili.
Non so il perché: forse perché non si usa, forse perché è considerato un mezzo per le giratine domenicali o chissà per quale altro misterioso motivo.
Saranno una ventina di anni che la benemerita (per l’ubicazione) e malfatta (per la costruzione) ciclabile di via Modigliani-via Massa fa lamentare i ciclisti che la percorrono.
Praticamente lungo tutto il percorso è protetta (si fa per dire) da parapedonali, tranne che sull’incrocio con la pista di via Fedi (che porta vicino al parco di villa Vogel).
Mettere i parapedonali sulla curva costringerebbe gli automobilisti a rallentare, e non sia mai. Per anni c’è stato un limbo in cui non c’era protezione, ma per terra c’era comunque una riga.
Da pochi anni l’incrocio è stato “revisionato”, per cui, per passare a norma di legge, sarebbe necessario arrivare fino al cartello di fine pista, scendere e risalire qualche metro dopo.
Chissà cos’è passato per la mente al geniale progettista, e anche a tutta la catena di comando, per creare un passaggio penitenziale del genere.
Voleva evitare di farci investire mentre passavamo sulla curva in sella alla bici? E non rischiamo la stessa cosa spingendola a mano nello stesso posto?
Torna indietro

FIAB Firenze Ciclabile

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

Area riservata

Nome utente

Password