Il prezzo non è mai giusto




In questi giorni una grande serie di proteste sta colpendo l’Iran. A causa delle sanzioni americane, il governo sta “rimodulando” (come si dice da noi) il sistema dei sussidi alla popolazione. Come in ogni aggiustamento fiscale che si rispetti, si è modificato il prezzo della benzina.
Non si tratta di un vero e proprio rincaro: gli Iraniani avranno diritto ad acquistare fino a 60 litri al mese di benzina al prezzo agevolato degli equivalenti 11 centesimi di euro al litro, superato questo limite il prezzo raddoppierà. I soldi risparmiati dal sussidio alla benzina saranno utilizzati per le famiglie bisognose.
Non so che auto abbiano in Iran e dove debbano andare, ma una pessima auto che faccia 12 km al litro permetterebbe di fare comunque oltre 700 km a prezzo agevolato.
Non entro nel merito della politica iraniana, ma quello che mi pare di capire è che tutto il mondo è paese, e basta il rincaro di qualche carburante, reale o annunciato, che subito si scatena la protesta popolare, in Iran come in Francia e anche da noi.
Possiamo davvero dirci liberi se siamo così dipendenti dal prezzo del carburante?
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved