Punti di vista




Qualche giorno fa sul principale quotidiano economico italiano c’era un articolo che raccontava di un rapporto dell’Opec (l’organizzazione dei paesi produttori di petrolio) che inizia a fare i conti con la previsione della diminuzione della domanda nell’area Ocse già dal 2021-2022.
Aspettiamo a tirare un sospiro di sollievo: fino al 2040 è comunque previsto un aumento mondiale dei consumi petroliferi, soprattutto in Asia, di quasi 12 milioni di barili.
E anche se l’Opec è a favore degli accordi di Parigi, affremano anche che è probabile che i paesi in via di sviluppo che esportano energia subiscano gli effetti della riduzione dei consumi: contenere l’aumento delle temperature entro i 2 gradi comporta la diminuzione di produzione di energia e “conseguenze avverse sulla sostenibilità e sulla futura crescita” anche per qualche paese Opec.
Che la diminuzione della produzione e del consumo di petrolio abbia conseguenze avverse sulla sostenibilità mi pare curioso, con tutta la letteratura scientifica che è stata prodotta finora.
In ogni caso, sempre secondo lo stesso rapporto, nel 2040 i veicoli elettrici saranno il 13% del totale, e il 43% dei consumi petroliferi riguarderà sempre il carburante per i veicoli.
L’area di maggior crescita sarà il trasporto aereo, +1,5% all’anno, con buona pace dei fautori degli aeroporti ecologici.
Alla fine il cambiamento sta arrivando, ma senza fretta. Chissà se ne avremo il tempo...
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved