L’immaginario contemporaneo e il reale urbano




Dopo alcuni giorni di proteste per lo spot/trailer dell’auto verde e del film collegato (di cui ci siamo sciroppati in anteprima le riprese l’anno scorso), adesso è partita anche una denuncia contro lo spot da parte di una associazione di consumatori perché “incita alla trasgressione delle norme stradali”.
Sicuramente incita alla noncuranza della sicurezza stradale, ma di spot automobilistici assurdi e surreali ce ne sono davvero tanti, come uno in cui si immagina di guidare ad occhi chiusi…
Probabilmente sono stato distratto, ma sul trailer del film non ho letto o sentito alcun commento del Sindaco o della Vicesindaca, che un anno fa difendeva l’occupazione della città da parte delle auto sgommanti per le ricadute economiche, concludendo che “la sfida andava accettata per stare dentro l’immaginario contemporaneo”.
Le immagini non lasciano molto spazio all’immaginazione: strade e piazze storiche dove si può far finta di sgommare, ma non farci passare il tram, e non so immaginare quali ricadute di immagine potrà avere la nostra città di fronte a una sceneggiata del genere.
Qualche settimana prima delle riprese del film, un episodio con inseguimenti a tutta velocità in via Canova ha causato la morte di un ragazzo, e il processo si sta svolgendo proprio in questi giorni. Guardando uno spezzone del filmato non si capisce la differenza tra realtà e finzione. Qualcuno avrebbe dovuto pensarci, allora come oggi.
Il cinema è un modo di raccontare storie, si sa: forse potrebbe essere più utile alla causa della sicurezza stradale dire che a Firenze la realtà in cui si trovano le auto verdi (e tutte le altre) è quella della foto...
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved