lunedì 30 luglio 2007

A partire dal prossimo 1° agosto trasportare in Puglia la bicicletta al seguito del viaggiatore sui treni regionali di Trenitalia è gratuito. E’ stato infatti abolito il biglietto “supplemento bici” di 3 euro e mezzo di cui si farà carico la Regione.

L’iniziativa è stata assunta dall’Assessore regionale ai Trasporti Mario Loizzo che, primo in Italia, ha sottoscritto lo scorso 16 luglio un protocollo d’intesa rivoluzionario al fine di  combattere le emissioni atmosferiche responsabili dell’effetto serra e promuovere la mobilità sostenibile. All’accordo, valido sull’intero territorio pugliese, hanno aderito tutte le Ferrovie regionali: Trenitalia, Ferrovie del Gargano, Ferrovie Sud Est, Ferrovie Appuro Lucane e Ferrotramviaria.

Le compagnie ferroviarie pugliesi si impegnano, in fase di acquisto di nuovi treni o di ristrutturazione di quelli vecchi, a riservare appositi spazi liberi o attrezzati, al trasporto delle bici al seguito. E poiché treno + bici non significa solo trasporto a bordo carrozza ma anche movimentazione nelle stazioni ed informazione sull’ubicazione della carrozza bici, ecco che il protocollo d’intesa prevede: la realizzazione di percorsi guidati per i viaggiatori con bici dall’ingresso della stazione ai binari e viceversa; appositi scivoli o canaline lungo le scale; l’uso degli ascensori, indicazione sui monitor e sugli orari ferroviari dell’ubicazione del vano porta bici e annuncio di tale ubicazione tramite altoparlanti al momento dell’arrivo del treno.  Tutto questo accanto ad un piano permanente di comunicazione per dare la più ampia e capillare informazione sul servizio contribuendo così a modificare le abitudini trasportistiche dei cittadini.

“Siamo molto soddisfatti dell’iniziativa intrapresa in Puglia” - ha dichiarato Romolo Solari responsabile FIAB Federazione Italiana Amici della Bicicletta per l’intermodalità treno + bici. “Già c’è stata in Italia qualche intesa su questi temi ma questo è il primo accordo così completo. Si tratta di un modello da esportare anche in quelle zone dove l’uso della bici è sicuramente più frequente che in Puglia ma l’intermodalità con il treno viene scoraggiata anziché promossa. Penso ad esempio alla provincia di Bolzano dove ci sono tante belle piste ciclabili ma dove il supplemento bici è stato recentemente aumentato a 4 Euro a viaggio contro i 3,5 Euro per 24 ore del resto del Paese.”

La soddisfazione in FIAB è palpabile, infatti la federazione ha sempre fatto del treno + bici uno dei suoi cavalli di battaglia. Con un buon servizio capillare si potrebbe infatti fare a meno dell’auto. E’ riportato anche in una recente pubblicazione di Trenitalia: “Arrivando con la propria bici alla stazione e portandola con sé sul treno, per poi riprenderla alla stazione di arrivo, si riescono ad unire la velocità e la sicurezza della ferrovia con l’elevata capacità di penetrazione nel territorio garantita dalla bici”. Basti pensare che la maggioranza della popolazione italiana abita a meno di 5 km da una stazione ferroviaria e che su quella distanza la bici risulta essere il mezzo di trasporto più efficace. Non resta che provare.


Tutte le notizie

FIAB Firenze Ciclabile

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

Area riservata

Nome utente

Password