mercoledì 13 giugno 2007

«Chiudere l'accesso da via de' Gondi a piazza Signoria». E' quanto chiede il consigliere Gregorio Malavolti (SD) per «tutelare la pedonalizzazione della piazza e non fare più figuracce con i turisti di tutto il mondo».

«Questa mattina - ha commentato Malavolti - sembra essere ritornarti agli anni '50: tre pullman parcheggiati nel centro della piazza oltre ad alcune auto, tutte sistemate in piena zona pedonale. Intanto chi cerca di lasciare la bici è costretto ad arrangiarsi: per motivi di "impatto visivo" c'è una sola fila di rastrelliere, oltre la quale tutti i giorni vengono lasciati mezzi di ogni tipo: auto, suv ed oggi, perfino tre pullman da 54 posti. I casi di emergenza sono comprensibili ma non ventiquattr'ore al giorno».
«Firenze sembra una città del terzo mondo - ha concluso il consigliere di Sinistra Democratica - l'unico modo per impedire che ai turisti Firenze appaia come una cittadina del terzo mondo invasa ovunque dalle auto è impedire fisicamente l'accesso alla Piazza da via de' Gondi, analogamente a quanto avviene in Piazza della Repubblica. E collocare una seconda file di rastrelliere accanto a quella già esistente che ha un buon "impatto visivo" grazie anche alle piante che sono state sistemate in quel punto».

"La sosta in piazza Signoria è un fatto straordinario motivato da ragioni di sicurezza". Gli risponde il vice-sindaco Giuseppe Matulli, assessore al traffico. Oggi Palazzo Vecchio ha infatti ospitato l'incontro "Il ruolo dell'Europa nella risoluzione del conflitto israelo-palestinese" con la partecipazione di delegazioni straniere. "Nei giorni scorsi è arrivata agli uffici comunali la richiesta da parte della Questura di eliminare la sosta in determinate aree centrali di piazza Signoria per motivi di sicurezza legate all'incontro. Evidentemente - conclude il vicesindaco Matulli - gli organi di polizia hanno ritenuto per gli stessi motivi di far sostare i mezzi della delegazione in piazza Signoria".

Se appaiono comprensibili, almeno fino ad un certo punto, i motivi che hanno determinato quanto accaduto oggi, rimangono però inspiegate le ragioni della generalizzata tolleranza verso la sosta selvaggia, che in piazza della Signoria "va in scena" ogni giorno. Ricordiamo che l'anno scorso erano state installate in piazza due file delle nuove rastrelliere con fioriere, ma la seconda fila era stata rimossa il giorno stesso perchè "troppo brutta". Al posto delle rastrelliere e delle fioriere oggi vediamo in sosta numerosi automezzi, evidentemente giudicati non altrettanto brutti. Ma su tutto questo nè Matulli, nè altri hanno mai dato risposte.


Tutte le notizie

FIAB Firenze Ciclabile

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

Area riservata

Nome utente

Password