lunedì 26 febbraio 2007

Primo lo scooter (ovviamente elettrico). Segue a soli 6 minuti di scarto la bici, poi a seguire il treno e l’autobus. Inevitabilmente ultima l’automobile. Questi i risultato del Trofeo Tartaruga organizzato stamani a Firenze dal Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato, la campagna realizzata con il contributo di Sorgenia, che ha lo scopo di monitorare lo stato d’inquinamento atmosferico e acustico nelle città italiane.

La gara si è snodata per le strade di Firenze, partendo dal quartiere delle Piagge fino alla prima carrozza del Treno Verde in sosta al binario 16 della stazione di Santa Maria Novella, quindi per un percorso di circa 10 km: il presidente del circolo Legambiente Firenze Leonardo Sgatti a bordo del treno; quattro volontari rispettivamente sulla bici, sull’autobus, con lo scooter elettrico, e con un’auto a metano.

Infine, fuori gara ma impegnatissimo, ha partecipato anche l’assessore all’Ambiente del Comune di Firenze Claudio del Lungo, partito dalle Piagge a piedi alle ore 10,12 e giunto in stazione alle 11,48.

Gli altri mezzi invece hanno fattos egnare i seguenti tempi: lo scooter elettrico è giunto al traguardo dopo 17 minuti, seguito dal ciclista che ne ha impiegati 23. Il treno partito in orario alle ore 12,10 dalla stazione delle Piagge, è terzo con 15 minuti di percorrenza, seguito dall’autobus e dall’automobile a metano.

Lo scooter elettrico ha sostato nei posti riservati alla ricarica dei mezzi elettrici istallati dal Comune di Firenze che già da tempo si è dotato delle colonnine preposte.

«Il percorso di oggi non è stato scelto a caso: la stazione de Le Piagge - ha dichiarato Leonardo Sgatti, presidente Legambiente Firenze - rientra in un piano di realizzazione di servizio ferroviario per l’area metropolitana che consentirà di fornire ai cittadini un ulteriore opportunità per spostarsi nonchè alleggerire il carico del traffico veicolare. La riattivazione della linea Cascine - Porta al Prato è il vero test per la riuscita del servizio metropolitano dedicato. Sono 210.000 i toscani che ogni giorno scelgono il treno per muoversi: è perciò necessario potenziare e integrare il trasporto pubblico, che avrà come asse portante l’attuale rete ferroviaria e il futuro sistema tranviario, per far fronte alla crescente richiesta di mobilità sostenibile dei cittadini».

«Il risultato odierno dimostra come l’auto sia la vera tartaruga della città - ha dichiarato Gianluca della Campa, portavoce nazionale del Treno Verde – e come il suo utilizzo sia antieconomico, visti costi di consumo, di parcheggio, tempi di percorrenza molto lenti e l´aggravante dello stress. Il treno, con il tempo di percorrenza minore, si conferma un mezzo di trasporto veloce, comodo ed economicamente conveniente: è un paradosso che nonostante oggi si sia rafforzata la tesi di competitività dei mezzi pubblici, Firenze sia spesso congestionata dal traffico, dovuto soprattutto a un tasso di motorizzazione di 55 auto ogni 100 abitanti. Dai dati di Ecosistema Urbano 2007 emerge inoltre una situazione poco soddisfacente per chi va a pedali o a piedi, con 3,27 Km di piste ciclabili ogni 100 abitanti, 0,82mq/abitante di isole pedonali».


Tutte le notizie

FIAB Firenze Ciclabile

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

Area riservata

Nome utente

Password