giovedì 12 dicembre 2013

Un nostro socio ci ha inoltrato la seguente comunicazione inviata all'Assessore all'Ambiente del Comune di Firenze, Caterina Biti, e noi volentieri la ripubblichiamo integralmente.

Gent.ma Dott.ssa Caterina Biti,

Nell'articolo di stampa di cui al seguente link, trovo riportata - fra virgolette - la Sua dichiarazione: "evidentemente, a prescindere dalle condizioni meteo, questa è la conferma che le politiche dell’amministrazione comunale contro l’inquinamento atmosferico funzionano". La conferma della bontà delle politiche anti-inquinamento, infatti, sarebbe provata dall'avvenuto sforamento - solo (sic!) in dicembre - dei limiti di legge.

Mi dispiace molto di essere una voce dissonante, ma, nonostante il Suo autorevolissimo ottimismo, da semplice cittadino che si sposta tutti i giorni, in bicicletta, sulla tratta Careggi- Piazza Duomo, ho la sensazione che la qualità dell'aria sia invero pessima.

E purtoppo la sensazione delle mie vie aeree non viene smentita, né confermata, dai dati di alcuna centralina, dal momento che nell'area nord-ovest del Comune di Firenze, in cui vive e lavora la maggioranza dei fiorentini, sono del tutto assenti le postazioni di riferimento per il monitoraggio della qualità dell'aria con tipologia "URBANA FONDO" (Cfr. http://www.arpat.toscana.it/datiemappe/dati/pm10-superamenti-del-valore-giornaliero-di-50-microgrammi-m3-anni-2007-2012).

Ed in assenza di dati affermare che un metodo funziona mi pare quantomeno azzardato; infatti, se ben ricordo, pur avendo frequentato il Liceo Dante, e non il Galileo, uno dei cardini del metodo scientifico, o "galileiano" appunto, è l'osservazione diretta del fenomeno e la raccolta del maggior numero di dati possibili, ai fini della verifica della propria tesi o affermazione.

Pertanto, troverei interessante che venissero raccolti maggiori dati sull'area indicata; infatti, mi piacerebbe molto vivere a Boboli, ma, come il 99% dei fiorentini, la mia vità scorre nella città reale, quella delle vie trafficate, e non nei - seppur piacevoli - horti conclusi in cui sono attualmente installate le centraline.

Dunque, in attesa dell'installazione di idonee centraline in detta area, per consentirLe di toccare con mano - rectius, con naso - la problematica in esame, sono ad invitarLa a percorrere con me, uno di questi giorni, il seguente tragitto: via Alderotti, Statuto, Fortezza da basso. Magari alle ore 8 di mattina... ma va bene anche alle ore 7 di sera.
Il mezzo ovviamente sarebbe ecologico, come Lei giustamente consiglia, vale a dire la bicicletta.

Chissà, dopo tale tour, potrebbe sorgere in Lei qualche piccolo dubbio sul reale "funzionamento" delle politiche anti-inquinamento del Comune. O, magari, dati alla mano, sarà Lei a persuadermi che l'aria che respiro è, in realtà, la "migliore delle arie possibili"!

Con ossequio.

(Lettera firmata)


Tutte le notizie

FIAB Firenze Ciclabile

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

Area riservata

Nome utente

Password