In cerca di emergenze 5



Ricordate le paginate piene di incidenti, morti e feriti a causa della mancanza del casco dei monopattinatori? Sindaci, Presidenti di regione, Parlamentari uniti come un sol uomo (più o meno) per chiedere regole (che, belle o brutte, già ci sono) e, soprattutto, il casco obbligatorio. Da gennaio ad agosto (compreso) ci sono stati otto morti, sette sul monopattino e un pedone.
Non sono numeri da sottovalutare, è chiaro, ma proviamo un attimo a staccarci dalla pancia e ad accendere il cervello.
Ieri ho letto su “Domani” un articolo molto interessante che parlava dei legami tra la lobby dei cacciatori e dei fabbricanti di armi con il mondo politico, e a margine ho trovato dei dati molto interessanti, che ho voluto approfondire.
L’emergenza monopattini, o presunta tale, abbiamo visto che nel 2021 ha già fatto almeno otto morti. Nella stagione di caccia 2020-2021 (da settembre a gennaio, dura quattro mesi) ci sono stati 14 morti, di cui 4 “non cacciatori”, e soltanto dal settembre di quest’anno ci sono stati già 1 morto e 9 feriti, tra cui un ciclista che se ne stava andando a spasso per i fatti suoi.
Avete notato un levarsi di scudi? Avete visto una sincera preoccupazione per la sicurezza non dico dei fagiani, ma delle persone? Avete trovato un’ondata di sdegno verso chi va in giro armato nei luoghi pubblici? Non credo. Curioso, vero?
Io trovo francamente sgradevole uscire per fare una pedalata sulle colline e pensare che qualcuno mi potrebbe sparare addosso. A Fiesole, non in Siria.
Il nostro Sindaco non ha competenze sulla caccia, ma potrebbe segnalare la sua preoccupazione al nostro Sindaco metropolitano, no? Forse le vittime della caccia valgono meno sdegno di quelle dei monopattini?
Torna indietro

FIAB Firenze Ciclabile

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

Area riservata

Nome utente

Password