Una percezione differente



Il Sindaco è stato coraggioso ad accompagnare la consigliera comunale disabile da casa fino a Palazzo Vecchio: ha potuto toccare con mano gli ostacoli che normalmente incontra chi ha qualche disabilità e voglia vivere in autonomia.
In una città antica ci sono tanti ostacoli, ma la mia impressione è che anche la modernità ci metta del suo: pensiamo agli scivoli dei marciapiedi usati come comodi parcheggi, pali messi a caso sui marciapiedi, buche e pietre sconnesse, e anche biciclette e (adesso) monopattini.
E che dire poi delle interruzioni segnalate all'ultimo metro su ciclabili o marciapiedi? Con la bici ci si può arrangiare, ma in carrozzina?
A me è capitato anche di vedere che in qualche caso gli ultimi lavori tramviari, quindi roba di due o tre anni fa, hanno lasciato alcuni scivoli con uno scalino, come sul percorso pedo-ciclabile del ponte di via dello Statuto: una contraddizione in sé. Stavolta. dopo una segnalazione lo scalino è stato limato un poco, ma non so quanto sia migliorato il passaggio per una carrozzina. Pensiamo poi alle piste ciclabili: chi si muove con una carrozzina motorizzata le usa, ma quante di queste sono troppo strette? E nel pensare quelle nuove, chi se ne ricorda?
Il problema è noto almeno da una ventina di anni e tanto è stato fatto, ma... giusto per capirci, leggendo un vecchio articolo si scopre che, per la riduzione delle barriere architettoniche, nel 2002 il Comune stanziava un milione di euro, oggi settecentomila.
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved