Il BLOG di FIAB Firenze Ciclabile

 Post precedenti 

La risposta

E’ passato quasi un mese dall’inaugurazione del bypass di Ugnano, e ho avuto modo di passarci.Credo di averlo già raccontato altre volte, ma ricordo ancora un mio intervento in una pubblica assemblea sul tema della mobilità e vivibilità, con Presidente di quartiere e Assessore alla partecipazione. Sono passati una decina d’anni o forse più, ma ricordo che sull’argomento feci presente la necessità di una pista ciclabile protetta, visto che lo spazio non sarebbe mancato, e che quel percorso sarebb ...

Continua a leggere...

Truccati

Mi ha incuriosito un articolo in cui si raccontava dei controlli che la polizia di Ginevra ha effettuato su una sessantina di monopattini elettrici. Il 10% è risultato modificato, tanto che superavano i 35 km/h, con uno che arrivava addirittura a 56 km/h.Non c’è da demonizzare nessuno, ma se in un sabato pomeriggio in Svizzera si scoprono così tanti monopattini modificati, mi chiedo quanti ce ne siano in circolazione da noi.A me non pare di aver letto che sia accaduto niente del genere dalle nos ...

Continua a leggere...

Torcitori di rettilinei 3

Piace l’arabesco, il ghirigoro, la sinuosità: sarà questo il motivo per cui non mancano le soluzioni bizzarre piazzate sulle ciclabili o comunque su ciò che ha a che fare con le bici.Sono passati ormai anni dalla sua costruzione, e io penso alla mia costrizione ogni volta che ripasso dalla ciclabile di via Panciatichi, all’incrocio con via delle Tre pietre: per andare verso il polo scientifico si arriva in rettilineo e oplà, all’attraversamento ci si sposta a destra per poi rientrare sulla pista ...

Continua a leggere...

Quattro miti posson bastare

Ho letto l'intervista agli autori del libro “Curbing Traffic. The Human Case for Fewer Cars in Our Lives”, che più o meno in italiano dovrebbe essere “Limitare il traffico. Il fattore umano per avere meno auto nelle nostre vite”.I due autori, una coppia che nel 2019 si è trasferita per lavoro da Vancouver (Canada) a Delft (Olanda) raccontano la loro esperienza di vita in una città ciclabile vissuta come abitanti e non come turisti, dove le auto sono considerate ospiti e non padrone della strada. ...

Continua a leggere...

I custodi del bello 7

Ritorno sulle pensiline tramviarie che non ci sono. Probabilmente un maestro di estetica, uno di architettura e uno di conservazione potrebbe darmi una risposta che, in questo momento non trovo: perché alla fermata tramviaria di Porta al Prato non c'è la minima tettoia, mentre a due passi è stato permesso di tirar su uno scatolone simil-rugginoso che servirà, giustamente, al servizio del capolinea dei bus?

Continua a leggere...

L'Assessore al Buonumore 80

Ti trovi a passeggiare sotto il sole rovente, mentre intorno sono tornati i trolley strascicati con il loro tac-tac-tac uniforme ritmato dalla congiunzione delle pietre del marciapiede.Fa caldo, cerchi di distanziarti su marciapiedi stretti e chiusi dalle auto o dai bauletti dei motorini (missione impossibile) e arrivi ad attraversare, quando… il genio appare in tutta la sua magnificenza. In un incrocio meraviglioso, magari dopo essersi strusciati sui muri per evitare di prendere lo specchietto ...

Continua a leggere...

Sabato (o domenica) senz’auto, ma in salita

Siamo in estate, ed è bello e divertente prendere la bici e farsi un giro. Ho avuto l’occasione di partecipare al “Sellaronda bike day”: per una mezza giornata (8.30-15,30) è stato chiuso al traffico l’anello di quattro passi dolomitici (Pordoi, Campolongo, Gardena, Sella), permettendo il transito ai soli ciclisti. E’ stata una bella opportunità, anche perché fare un giro del genere senza preoccuparsi di auto, moto e bus è davvero impagabile, in tutti i sensi: nessuna iscrizione, nessun orario o ...

Continua a leggere...

Firenze parcheggia 39

Sarà per qualche cantiere o chissà cos’altro, però da settimane (o mesi) sono sparite le rastrelliere davanti all’ospedale di Santa Maria Nuova, utilissime anche per chi vuole andare alla biblioteca delle Oblate, visto che trovare un posto libero in quelle all’ingresso di quest’ultima è piuttosto improbabile. La morale della favola è che le rastrelliere sono state tolte, e in compenso adesso ci sono le auto.Bel guadagno, vero?

Continua a leggere...

Buona lettura 10

Sotto l’ombrellone, al fresco in un parco o sdraiati sul divano, in questo periodo aumentano le occasioni per leggersi un libro. A me è capitato di leggerne “Bikeconomy”, uscito nell’autunno 2019 e quindi profetico in modo inquietante.E’ un libro molto interessante, che va oltre la mia limitata visione del ciclista difensore dell’ambiente e della vita per inquadrare la bicicletta come macchina per far soldi.Detta così può far saltare sulla sedia, ma è quello che già succede con le auto, e l’indo ...

Continua a leggere...

No T.A.B. 77

Al contrario di qualcuno, non sono contrario alle osservazioni della Soprintendenza: nella vicenda dello stadio, la posizione del Soprintendente ci ha risparmiato la demolizione di un’opera unica e una figuraccia mondiale.Poi spuntano le bizzarrie che mi lasciano interdetto, come la “provvisoria” pista sterrata in piazza V. Veneto oppure la scelta di non permettere l’installazione delle pensiline lungo alcune fermate della tramvia: attualmente alle Cascine, Porta al Prato, Fortezza e stazione, p ...

Continua a leggere...

 Post precedenti 

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved