lunedì 16 novembre 2009

Sequestro dei risciò: si abbia il coraggio di ignorare le obiezioni dei tassisti

In merito all'incredibile vicenda del risciò posto sotto sequestro dalla Polizia Municipale, l'associazione FirenzeInBici si unisce alla protesta di coloro che vorrebbero vedere circolare nel centro di Firenze i simpatici mezzi a tre ruote.

"E' assurdo che si continui ad osteggiare il servizio dei riscò a pedali, rifiutando sistematicamente di chiarire il quadro regolamentare in cui possono operare - ha osservato Gianni Lopes Pegna, presente questa mattina alla conferenza stampa in piazza della Repubblica - Ciascun risciò in circolazione è un gigantesco spot per la mobilità sostenibile in generale, e per quella ciclistica in particolare; un servizio di risciò a pedali creerebbe posti di lavoro ad impatto zero, senza alcun contraccolpo per altri settori, dal momento che occuperebbe una nuova nicchia di mercato totalmente nuova."

"Chiediamo al Comune ed al Sindaco Matteo Renzi di adoperarsi per chiarire il quadro regolamentare in cui si possano svolgere servizi commerciali con mezzi a pedali - conclude Gianni Lopes Pegna - Se è vero che la pedonalizzazione di piazza del Duomo è stato un atto coraggioso, si abbia allora il coraggio di ignorare le insensate obiezioni della categoria dei tassisti, che si sono resi protagonisti di almeno due vergognosi episodi di intolleranza nei confronti dei conduttori dei risciò."

 


Vai all'elenco dei comunicati

Richiedi di ricevere i comunicati per posta elettronica

 

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Segreteria telefonica: 055 5357637

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved