Largo ai giovani 3



Grazie alla mobilitazione di migliaia di giovani in tutto il mondo, domani ci sarà il “climate strike”, lo sciopero per il clima, nato dall’iniziativa di Greta, la ragazza svedese che un anno e mezzo fa ha iniziato la sua protesta facendo per giorni un sit-in davanti al parlamento svedese per spronare la politica a fare di più contro i cambiamenti climatici.
Mentre la generazione degli adulti si gingilla sui social raccontando banalità quotidiane, i “millennials” rischiano concretamente di essere investiti dai cambiamenti climatici (che, detto tra noi, cominciano a farsi sentire e vedere).
Greta, diventata quasi una star, continua a ripetere in tutte le occasioni che il tempo sta per scadere e che non dobbiamo distruggere il futuro dei giovani.
Fra trent’anni buona parte di chi oggi può decidere non ci sarà più, mentre loro dovranno combattere contro siccità, alluvioni, carestie e tutto il resto: si capisce chi ha fretta e chi no, e anche il perché. Nel nostro gigantesco condominio globale dovrebbe avere maggior peso nelle decisioni chi ha statisticamente più tempo da doverci vivere: a venti o a settant’anni si hanno visioni, prospettive e speranze ben diverse.
Andate avanti ragazzi, nel mio piccolo continuerò ad andare in bici e a prendere tutte quelle iniziative che portano alla riduzione dei consumi e del nostro impatto sul pianeta.
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved