Aria, o quel che ne resta 22


Sta suscitando un certo disappunto la vicenda degli studi sui gas di scarico su scimmie e uomini fatti per conto di importanti case automobilistiche tedesche.
Lo scopo, immagino, era quello di dimostrare che queste emissioni non fanno così male, un po' come può essere successo per le sigarette e chissà cos'altro.
Sappiamo che l'Organizzazione mondiale della sanità ha catalogato come certamente cancerogeni i fumi del motore diesel: piuttosto che sorprendermi degli esperimenti sugli effetti dei gas di scarico, sono stupefatto che ancora oggi si producono e vendono auto a gasolio, mentre ne circolano un'infinità. Mi sorprendo che il gasolio non sia eliminato dai distributori di carburante o, al limite, che costi meno della benzina.
Mi spiace per le povere scimmiette che si sono inalate gas a profusione mentre guardavano i cartoni animati (forse “Il libro della giungla”? Oppure “Tarzan”?), ma mi spiace anche per tutti gli altri animali costretti a subire sperimentazioni: perché è uno scandalo per quelle esposte ai gas di scarico?
Inoltre, le “cavie umane” erano volontarie: nessuno si scandalizza di fronte a chi si sottopone alle sperimentazioni sui medicinali? Non c'è un po' di ipocrisia in tutto questo?
Loro erano volontari: noi siamo sottoposti tutti i giorni ai gas di scarico cittadini... e per un caso beffardo del destino, lo scandalo dei test emerge proprio nei giorni in cui Legambiente, con il suo dossier “Mal'aria” denuncia che siamo esposti sempre di più agli inquinanti dell'aria, soprattutto nel nord Italia… e anche in Europa ci fanno qualche domanda.
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved