Un lavoro pericoloso


E' la fine dell'anno, ed è il momento delle statistiche. Io ne ho letta una da brividi: da gennaio a metà dicembre solo in Toscana sono stati aggrediti 53 capitreno, di cui 40 fisicamente. L'anno prima le aggressioni erano state 38, di cui 15 fisiche. Non so dire quali siano i motivi di tanta violenza, ma la stessa avviene anche sugli autobus, verso autisti e controllori, come se chi lavora nei trasporti pubblici fosse un aguzzino che pretende il pagamento del biglietto, o il responsabile di un servizio a volte scadente, o persino il rappresentante di un governo, nazionale o locale non importa, visto come ingiusto e vessatorio.
Si tratta semplicemente di lavoratori che sono lì a fare il loro lavoro e a far rispettare il pagamento di un biglietto il cui costo, come sappiamo, copre solo in parte il servizio che viene utilizzato.
Non solo: in alcuni casi i capitreno sono stati aggrediti per aver difeso i passeggeri dalle aggressioni di alcuni facinorosi, come nell'ultimo caso del 16 dicembre, dove alcuni giovani, a Pisa, hanno picchiato e ferito un passeggero, il capotreno e due poliziotti.
Spero che il nuovo anno porti viaggi più tranquilli, con un po' di buonsenso in più e molti cerotti in meno.
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Codice fiscale: 94122650487

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved