Guida, schiavo!


Pensi agli schiavi e ti vengono in mente le civiltà antiche, oppure le piantagioni di cotone e i trafficanti di esseri umani. Poi, leggendo i giornali, capita di trovare alcuni casi di accusa di “riduzione in schiavitù”, pure nell’età in cui la libertà dovrebbe essere un diritto acquisito.
Giorni fa ho letto la storia di alcuni camionisti di una ditta lombarda costretti a guidare  fino a 20 ore al giorno, pena il licenziamento, subendo anche altre forme di “pressione”, come mangiare un panino alla guida, oppure, nelle occasioni in cui fosse proprio necessario l’uso del bagno, massimo sei minuti di sosta per poi far ascoltare al cellulare il rumore dello sciacquone come “prova”. Per fare una battuta, mi sorprende che il padrone (credo sia il termine più appropriato) non li obbligasse all’uso dei pannoloni, per risparmiare ancora qualche altro minuto.
Ci sono regole precise per la sicurezza di chi guida (e degli altri, non dimentichiamolo) e il cronotachigrafo registra i tempi di sosta e di guida, ma nonostante questo sono stati escogitati alcuni trucchetti per aggirare il controllo, come usare la tessera di un altro collega per farlo sembrare alla guida: proprio come negli anni ha fatto qualche parlamentare durante le votazioni…
La magistratura farà le sue indagini, e vedremo come andrà a finire. Mortifica rendersi conto di come la vita umana, degli autisti e degli altri utenti della strada, non venga minimamente presa in considerazione.
Torna indietro

FIAB Firenze

Firenze Ciclabile ONLUS
Via Luciano Manara 6
50135 Firenze FI
Segreteria telefonica: 055 5357637

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Privacy

Privacy Policy
Cookie Policy

Visita anche...

FIAB
Rivista BC
Bicitalia
Albergabici

MultiPurpose template created by ThemeMotive | All rights reserved